Ouija(Che siccome non sapevo come ammazzare la mia intelligenza..)


Un film di Stiles White. Con Olivia Cooke, Daren Kagasoff, Douglas Smith, Bianca A. Santos, Ana Coto. Horror, durata 89 min. USA 2014. Universal Pictures.

Trama: Dopo la morte dell’amica d’infanzia Debbie, Laine e l’ex-fidanzato della ragazza Pete, trovano nella stanza della giovane defunta una vecchia tavola Ouija. Con l’intento di dire addio all’amica, Laine inizia ad usare il diabolico attrezzo scoprendo che al suo interno si nasconde uno spirito che si fa chiamare DZ. Si tratta di un demone che ama comunicare con i vivi proprio attraverso la tavoletta che rappresenta una specie di passaggio tra il mondo reale e quello dei morti. Altre persone vengono presto trascinate in questo misterioso gioco e inquietanti verità sulla casa e sulla morte dei vecchi proprietari verranno svelate…

—————————————————————————————————————–

 

1) non giocare mai da soli

2) mai giocarci al cimitero

3) salutare sempre prima di iniziare

4) far fare alla planchette -l’indicatore mobile in dotazione con la tavola- tanti giri al centro della tavola quanto il numero dei giocatori

5) pronunciare una canonica frase di rito per iniziare il gioco con l’aldilà.

Altrimenti, la faccenda potrebbe complicarsi e prendere una piega tanto spiacevole quanto pericolosa.

😀  😀  😀  😀  😀  😀  😀  😀  😀  😀 😀 😀 😀 😀  😀  😀  😀  😀  😀 😀  😀  😀  😀  😀

Parafrasando un grande Critico Cinematografico stò film “E’UNA CAGATA PAZZESCA!!!”

Storia non originale tant’è che l’uso della tavoletta Ouija è ben nota agli amanti dell’ horror («Spiritika» di Kevin Tenney del 1989, tanto per citarne uno), a volta salterete sulla poltrona ma sono episodi sporadici non preoccupatevi; gli attori sono tali solo per  definizione , capacità espressiva  piatta come una tavola da surf.

Giovani, inesperti e con un’espressività che non conosce vie di mezzo, o sguardi bovini dall’intelligenza spenta o maschere di terrore puro…peccato,le morti si susseguono a ritmo sempre più frenetico richiamando alla memoria quelle della saga di «Final Destination»(che a me fanno sganasciare Letteralmente).

Un pò Insidious un pò L’Evocazione,oramai sembra un’impresa disperata trovare un modo originale di ammazzare i protagonisti di un horror, però anche eccedere nel tentativo di fare cose spettacolari può diventare poco efficace dal punto di vista della narrazione della storia che, come in tutti i film del genere, se la prende comoda per la prima mezzora per poi scatenarsi nella mattanza canonica di teenagers idioti.

Carino ma niente di che’…x curiosi e masochisti cinefili .

Buona visione  😀

 

 

 

 

Annunci

InExtremo


Luna piena

Su chiudi gli occhi, fidati di me
Voleremo sopra il mare
Sono così malato del tuo amore
Che si ubriaca del mio sangue

Il giorno svanisce
Strappi il vestito dal tuo corpo
La tua bianca luce mi ha infiammato
Tu, mia donna della sera
Con i capelli di radici e il viso da animale
E sempre i miei occhi si spalancano
Quando di notte
Mi appare una tale luna

Su chiudi gli occhi…

Gli alberi crescono in Maggio
Chi vuole già essere solo
Ma oggi nella luce tenue
Tu sei così nuda e calda
Bocca a bocca la lunga notte
La luna splendente traccia il suo cerchio
Per terra
Là giace il tuo vestito bianco

Su chiudi gli occhi…..

vollmond live