Arte Disturbante…….H.R.Giger..Nightmares, delusions, dreams of a unique artist


Immagine

Il padre è titolare di una farmacia e l’artista passa un’infanzia, per sua stessa testimonianza tranquilla e felice, nel laboratorio paterno, osservando spesso le boccette, alcune puramente espositive contenenti liquidi dagli strani colori, preparati vari e sanguisughe all’epoca ancora in uso medico. Un giorno il padre ricevette da una casa farmaceutica, un teschio umano ed il figlio, ancora bambino, ne rimase affascinato. Nel tempo, il ragazzo sviluppò una certa attrazione nei confronti del bizzarro e del tetro, ispirato anche da artisti come Salvador Dali e Jean Cocteau. Sua madre Melli, pur non comprendendo appieno questa particolare passione del figlio, non smise d’incoraggiarlo.

Crescendo, Giger frequenta la scuola di design industriale e di arti applicate di Zurigo. Qui matura la sua abilità tecnica e la precisione nella definizione dei dettagli meccanici. Negli anni seguenti, espone in diverse mostre, anche a Zurigo; sviluppa una tensione artistica che lo porta ad esprimere al meglio la sua abilità utilizzando tecniche a china ed inchiostri. Successivamente passa alla pittura ad olio.

Sarà però con l’utilizzo dell’acrilico, con tecnica ad aerografo, che firmerà la maggior parte dei suoi lavori noti al grande pubblico: l’estrema potenzialità realistica di questo mezzo, dà la possibilità di ottenere effetti unici; grazie ad una perizia maturata con il suo lavoro di designer e negli anni di scuola, con l’utilizzo di un bicromismo tanto essenziale quanto inquietante, Giger comincia a trovare consenso in tutto il mondo. Sua è l’invenzione dei biomeccanoidi, creature sorta di macchine “organiche”, od organismi futuribili, in cui metallo e carne si fondono.

ImmagineImmagine

ImmagineImmagine

L’estetica di Giger, in particolare i quadri e le illustrazioni realizzati tra gli anni ’70 e gli anni ’80, hanno avuto un’influenza notevole su artisti di varie discipline, aldilà di quelli direttamente coinvolti in collaborazioni dirette con il pittore svizzero. Dai gruppi rock ai tatuatori, dai narratori di fantascienza ai decoratori di autoveicoli, le visioni aliene e oniriche di Giger hanno offerto spunti tematici e iconografici per la realizzazione delle opere più disparate.(fonte Wikipedia)

Immagine

visioni alienati,erotiche biomeccaniche deliranti,Unico nel suo genere

x me di grande fascino……

(scusate è tardi sn stanca e leggo cose strane)

Annunci

24 pensieri su “Arte Disturbante…….H.R.Giger..Nightmares, delusions, dreams of a unique artist

  1. Conobbi per la prima volta il nome e l’arte di Giger quando vidi il capolavoro di Ridley Scott “Alien”: fu amore a prima vista, a partire da Necronom IV, il meraviglioso dipinto che fu la base di partenza per tutte le visioni che furono usate per i bozzetti del film di Scott.
    L’anno scorso io e mia moglie ci recammo in Svizzera, complice un torneo sportivo di nostro figlio (giocatore di Ultimate Frisbee in nazionale), in pellegrinaggio a Gruyeres, dove il museo Giger è gestito oramai solo dalla moglie Carmen Maria, dopo la scomparsa dell’artista.
    Quel giorno mi è sembrato di toccare con un dito l’enormità di quell’arte così oscura, morbosa, arcaica e in qualche modo sensuale: un’esperienza stranissima, visto che nel museo c’è di tutto, compresi lavori di Salvador Dalì (altro artista che, tra le collaborazioni con Disney e Buñuel, ha legato il suo destino al cinema).
    Mi sono praticamente commosso quando ho letto il tuo post, perché Giger è una di quelle colonne portanti del mio immaginario personale, perché il suo capitello si innerva direttamente verso le volte della pittura, della scultura e del cinema: io e te sappiamo che quando qualcuno non apprezza il film “Alien” non riesce nemmeno a vedere il lavoro che stava dietro quel concept così profondo, perché i disegni Giger per il film non erano solo bozzetti per dei modellini ma uno studio vero e proprio su una forma di vita aliena, esogena, un trattato di biologia e persino di morale, a forti tinte nietzschiane, in cui l’artista svizzero aveva ricostruito tutto, dall’uovo, al feto, all’essere adulto, alla sua sessualità, ai suoi istinti e persino alla sua organizzazione sociale… un lavoro immenso ed anche maniacale, di cui solo una parte s’intravede nel primo e nel terzo film ed in gran parte in “Prometheus”.
    Scusa il pippone, ma hai parlato di un maestro assoluto…

    Mi piace

    1. hola jente

      Condivido in pieno e… tutt’altro che pippone, Kasabake ; hai reso l’idea molto bene. Purtroppo la massa è “distratta”, e spesso si ferma alla trama del film , la bravura o meno degli attori, gli effetti speciali etc.
      Riflessione- …il vero film è quello che si svolge dietro le quinte di un qualsiasi set : come in quello della “nostra” vita

      Liked by 2 people

  2. … però dai diciamolo che quest’arte disturbante è leggermente esoterica, no ?? o se preferite, subliminale… meglio ancora: fallica ( come i cartoni animati di quei malati della Disney )
    In fondo, il sesso non è forse il motore di tutto sto’ casino terrestre?!? 😛

    Mi piace

      1. … no Lupo, non stai male, tranquillo 😛
        Domanda: ma il “pistolino” di Alien sarà retrattile come la doppia boccuccia ?!? 🙄

        ??? O, donna Liza, que pasò ? …vine a verte dos veces, pero no estaba nadie en tu casa; todo bien ??
        Saluti a tutti
        o.t.- …quanta pioggia che sta venendo giù, azzo !! Oramai ogni acquazzone sta diventando un mezzo diluvio 😦

        Mi piace

  3. l'omoinvisibile

    fufù
    …O, noi ci siamo ma tu ??
    Ascolta, famo un giochetto; riesci a localizzare da dove ti scrivo ?? 🙄 se si ti porto a cena fuori, insieme a tuo marito, ovvio!! 😛

    Mi piace

  4. Comunicazione di servizio

    Si comunica a chi segue questo blog che la momentanea assenza di Donna Liza è dovuta a problemi di connessione… 😦 Scusate il disagio e grazie per la Vostra pazienza

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...