MANUALE DI SOPRAVVIVENZA NEL CINEMA HORROR LE REGOLE FONDAMENTALI DA SEGUIRE PER NON MORIRE IN UN FILM.


 

In tutti gli horror americani, a partire soprattutto dalla nuova generazione di pellicole gore/splatter degli anni ’70, c’è sempre stata una curiosa quanto sconcertante costante: la gente che popola tali film è stupida o distratta fino a livelli di idiozia pura, ignorando segnali di pericolo e sottovalutando situazioni sospette fino ad essere giustamente fatte fuori, nel modo più truculento possibile. Eppure non bisogna essere dei geni per evitare di cacciarsi in brutte situazioni. Se vi trovaste quindi in un film horror, seguire queste semplicissime regole dovrebbe evitarvi di fare una brutta fine e sopravvivere fino ai titoli di coda…

1. Non assumete mai alcolici, non bevete birra e non fate sesso prima del primo tempo del film. Le persone vergini e sobrie hanno più chances di arrivare ai titoli di coda rispetto a fighetti e sgallettate ubriache che amoreggiano alla prima occasione, soprattutto in luoghi isolati e durante i primi minuti del film.

2. Non fate troppo i saccenti, gli strafottenti o gli antipatici, non prendete in giro montanari e non trattate con sufficienza vecchi saggi che conoscono oscure verità. Se lo fate siete i candidati ideali al ruolo di prime vittime.

3. Non dite mai agli altri che tornerete subito. Sarete i primi ad essere fatti fuori.

4. Assicuratevi sempre che la batteria della vostra auto sia carica, in modo da partire a razzo davanti a situazioni difficili.

5. Portatevi sempre una tanica di benzina, in maniera da non dover rimanere fermi per strada o dovervi recare in qualche oscura cittadina non segnata dalle mappe per fare rifornimento.

6. Quando viaggiate in auto non scegliete mai scorciatoie o deviazioni in lande desolate perché non fanno altro che portarvi in villaggi fantasma oppure oscure magioni.

7. Evitate di superare, clacsonare o fare gestacci a grossi camion lungo le highway, specialmente in quelle deserte dove nessuno vi può aiutare.

8. Non date mai passaggi agli autostoppisti specie al tramonto, nel deserto, e se hanno il volto in ombra ed indossano impermeabili.

9. Se girate per la casa sentendovi in pericolo, accendete tutte le luci e ricordatevi di chiudere porte e finestre a chiave. Soprattutto la solita porta sul retro della cucina.

10. Non rispondete mai al telefono, specie se siete soli in casa.

11. La nebbia porta sfiga e di solito nasconde letali seccature.

12. Se siete inseguiti e se, soprattutto, appartenete al gentil sesso evitate di fuggire nel bosco da sole, gridando, specie di notte.

13. Sempre nel caso che siate donne, evitate per tutto il film di spogliarvi e/o farvi la doccia, occasioni perfette per essere aggredite.

14. Datevi malati o al limite mandate al diavolo gli amici che vi chiamano per invitarvi a week end in cottage isolati, vicini a boschi o laghi.

15. Se state correndo per scappare sappiate già che inciamperete o cadrete alla prima occasione, soprattutto se apparterrete al gentil sesso, quindi occhio a dove mettete i piedi.

16. Per una morte violenta ed “al sangue” due bei seni prosperosi e scollacciati accompagnati da capelli biondo platino sono un invito a nozze.

17. Come regola generale, non organizzate a casa sedute spiritiche con amici annoiati e bevitori di birra e cercate di evitare anche di risolvere enigmi che spalancano le porte dell’Inferno.

18. Non scendete nel seminterrato, soprattutto se è appena andata via la luce.

19. Prima di entrare in auto controllate sempre che non ci sia nessuno nascosto sul sedile posteriore.

20. Non divertitevi a passare una serata diversa al cimitero oppure in una vecchia villa abbandonata dove sono accaduti eventi sinistri.

21. State sempre attenti agli anniversari di esecuzioni capitali, assassini o terrificanti rituali, soprattutto se vi trovate proprio nel posto dove è accaduto lo spaventoso evento oppure se voi o qualche vostro amico avete legami di sangue con le vittime o con le persone che vi hanno partecipato. In questi casi è meglio cambiare aria.

22. Se qualcuno che era con voi è scomparso, molto probabilmente è morto. Evitate quindi di andarlo a cercare e, se proprio dovete, non dividetevi mai e poi mai dagli altri per farlo.

23. Se siete in fuga con altre persone, non esitate ad uccidere subito quella che dice “è meglio se ci separiamo”. Alla fine è sempre lei ad ammazzare voi.

24. Date qualche bel ceffone alla ragazza che fa l’isterica, perché è sempre lei che distrae tutti quando si avvicina un pericolo.

25. Tutto può ancora accadere finché è notte. Ricordatelo sempre.

26. State sempre bene attenti agli avvertimenti che provengono da bambini ed animali, perché posseggono la misteriosa capacità di avvertire il pericolo.

27. Se avete la disgrazia di avere a che fare con una famiglia di assassini, ricordatevi sempre quando scappate di non chiedere aiuto mai a nessun furgoncino o macchina che passa lì per caso. Quasi sempre è un parente o un complice che fa il suo esordio a quel punto del film.

28. Non dite mai apertamente che progetti avete per il futuro se volete restare vivi. Altrimenti avrete una morte orrenda.

29. Ovunque voi siate, non aprite mai il frigorifero perchè dietro lo sportello si nasconderà immancabilmente l’assassino, che vi ghermirà non appena lo richiuderete.

30. Se vi inseguono, non fatevi scrupolo di sfondare le porte immancabilmente chiuse o al limite buttatevi dalla finestra, ma non salite mai al piano di sopra. Mai, in nessun caso.

31. Se vi sembra di aver finalmente ucciso il mostro o l’assassino armato di scure o coltellaccio ecco cosa dovete fare:
a. Non lasciategli l’arma a portata di mano.
b. Non girategli assolutamente le spalle emettendo sospiri di sollievo.
c. Non controllate mai se è davvero morto avvicinandovi troppo a lui.
d. Scappate e basta.

32. Ascoltate molto attentamente la colonna sonora: se quando aprite una porta la musica si fa più inquietante, richiudetela subito. Giratevi e datevela a gambe.

33. Non guardate mai un film dell’orrore se siete già in un film dell’orrore. Sarete sicuramente le prossime vittime.

34. Se siete da soli in un posto non chiedete mai “C’è qualcuno?” oppure “Chi è là?”. Di certo c’è veramente qualcuno che non vorreste mai incontrare e così facendo rivelate solo la vostra posizione.

35. Quando la minaccia pare essere sventata, alla fine del film, quello è il momento di fare maggiore attenzione: evitate quindi di rilassarvi perché potreste essere l’ultima vittima del cattivo saltato fuori per lo spavento finale.

Nota: La presente lista è stata stilata, adattata ed ampliata sulla base dell’apporto di un anonimo navigatore che lo ha messo su Internet, riportato anche sul libro “Portala al Cinema” (“The Moviegoer’s Companion”) di Barry Norman, edito dalla Giulio Einaudi Editore s.p.a.

Annunci

9 pensieri su “MANUALE DI SOPRAVVIVENZA NEL CINEMA HORROR LE REGOLE FONDAMENTALI DA SEGUIRE PER NON MORIRE IN UN FILM.

  1. Questa delle 35 regole da evitare per un character da film horror è sempre stata una delle cose più spassose ed assieme meravigliose per qualsiasi vero appassionato di cinema horror, come sei tu Chezliza, almeno a giudicare dai tuoi post già presenti sul tuo blog e non ti nascondo che spero di poter leggere di nuovo qualcosa con il tuo stile inimitabile, sanguigno, potente, ironico e meravigliosamente trascinante, come quei giullari che avevano l’ardire di prendere per il sedere il sovrano, rischiando la testa più di una volta, ma riuscendo sempre a farsi perdonare per il loro acume…

    Leggendo questa lista, che già conoscevo ma che fa sempre piacere rileggere, ho cominciato a fantasticare su cosa avresti potuto scrivere proprio tu, film per film, perché ovviamente (questo lo dico per gli altri lettori casuali e profani dell’horror) ogni regola di questa lista fu scritta proprio a citazione nascosta (ma neanche tanto) di uno specifico  film e sarebbe bello leggere, in questo blog, tra i commenti, chi li riconoscerà tutti o anche solo qualcuno…

    Dai, Chezliza, chiama anche LupoKattivo e fagli sputare qualche titolo e mettiamo alla prova la memoria di ogni tuo bel frequentatore (compreso un insospettabile spettatore onnivoro come Gianni)…

    Non so se si è capito, ma anelo un nuovo post come quello su “The Cloth“, di cui ho ancora il ricordo sulle labbra, perché penso di averlo baciato con anche il cuore.

    P.S. Il tuo post mi ha anche ricordato che dovevo finire di scrivere un Kasa Shots su “The Cabin in the Woods” (quello di Drew “Daredevil” Goddard, sia chiaro)

    Mi piace

  2. the cloth fu uno choc talmente forte da farmi rovesciare di tutto in meno di mezzora…ho visto parecchie cose ultimamente ma temo di essere diventata anafettiva cinematograficamente parlando sai Kasa?
    Trovo tutto così piatto… mi mancano i miei registi preferiti…mi servirebbe che sò…
    una botta alla Videodrome..

    Mi piace

  3. La 20 l’ho fatta, ma non ero in un film quindi nel cimitero non m’è successo nulla.
    Riguardo invece le regole, ci ho rivisto quasi tutti i films che ho visto sin ad ora, perfino roba di Rob Zombie! Ma che bello!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...