Sullo Scrivere e sul leggere.(1)


“Quando stai male, quando ti senti sopraffatto, quando sei certo che non ce la farai, apri un libro e leggilo tutto. e se ancora non stai meglio prendine un altro e ricomincia.”

Stephen King

 

Ho sempre letto molto da quel che ricordo.

La Tessera della Biblioteca da bambina fù il biglietto x i più bei viaggi che io  abbia mai fatto,il mondo è andato avanti e quando sn entrata a far parte della rete ho potuto Divorare di tutto.

Qualche anno fà la mia amica Morgana(i cui racconti potete trovare qui http://morganadbaroque.wix.com/autrice) mi fece diventare la sua beta-tester (cit. G.G.)coinvolgendomi anche con un progetto di bozzetti,che utilizzò  onorandomi ,all’interno del suo primo romanzo Il Patto dell’Onice nera.

Tramite questa cosa caotica che è il mio blog sn venuta a contatto con vari scrittori ,

uno dei quali è ormai un caro amico.

Gianni Gregoroni (che trovate qui https://ilperdilibri.wordpress.com/) dice di sè

” parlare del sottoscritto non è una cosa che faccio di solito, probabilmente non avendo un profilo pubblico di tipo social, non ne ho mai sentito il bisogno o molto più banalmente non ho un profilo social perché non sento il bisogno di … Vabbè ci siamo capiti.
Dovessi scrivere una mia breve autobiografia, potrei dire che la mia vita è cominciata oltre quaranta anni fa; studi tecnici, scarsa propensione alla concentrazione, adoro musica di qualunque tipo meno il Jazz (che rispetto, ma proprio non mi piace) e il latino-americano (che rispetto meno, ma se proprio a voi piace…) del resto uno che sta 8 ore sotto il sole e devastarsi di Metal ai concerti non è che può …
Ho cominciato a leggere anzi a pre-leggere grazie a Topolino, non ho ancora smesso, poi da Zanna bianca a Centomila gavette di ghiaccio, passando per Camilleri, Zola, Gemmell.
Serio? No
Che cos’altro? Medio in tutto,
Miti? No, non ne ho, ho persone che considero eccellenti e che stimo, ma miti non ne ho.
Difetti: se ci penso mi vengono i brividi… 😀  Perché non solo li ho ma per bilanciarli vado nella direzione opposta.
Perché scrivo quello che scrivo : non lo so, forse perché era l’ora che finissi tutti i progetti che avevo in mente in proposito (e sono decine) e li finalizzassi. Aver terminato il primo Emma la Strega è stato come fare esplodere con la dinamite una diga, il resto sta ancora fluendo.
Quando ho iniziato a mettere lì parole? Seriamente – anche se è pur sempre un hobby – intorno al 2013, come imbratta pagine da quando so scrivere, e ogni tanto mi capita di inciampare in cose scritte anni fa… Dove? Su carta, in tanti quadernetti ad anelli, poi sempre più spesso su computer. Non fa differenza dove e come, purché scriva…”
Più propenso a scrivere racconti per ragazzi (La saga di Emma la strega ne è un esempio e alla mia mostriilla 14 enne è piaciuata tanto) si è cimentato con fantascienza,fantasy e horror secondo il mio modesto parere, più che bene.

Ha il taglio dello sceneggiatore,pare quasi di vederli i suoi personaggi, infatti oggi

disquisirò sul suo racconto in tre parti Della Carne e delle Stelle.

Parte 1 Nurnè

Copertina primo racconto

La prima parte ci presenta lo scenario in cui si svolge la storia e i personaggi che ci gravitano,Vaansta, Generale delle armate, donna guerriera e Immortale aliena,allevata da Nusaca Sacerdotessa di un antico culto .

E di Ildea e Enni che saranno la loro controparte mentre infurierà la battaglia per la conquista dei territori che verrano annessi al regno del Re Fanciullo.

Parte2:Intrighi

copertina_intrighi_180_r

La battaglia di Nurnè è terminata con un breve assedio e una grande vittoria, il Generale Demone (così viene chiamata Vaansta a causa del suo fattore rigenerante)dopo varie traversie fà ritorno a palazzzo dove comincerà la battaglia degli intrighi di corte.

 

Partiamo da un presupposto,questa è una fiaba che racchiude tutti gli elementi narrativi che lo scrittore ama,alcuni diranno che nn c’è niente di nuovo o originale, io dico che Gianni è un cantastorie e pure bravo perchè riesce a portarci indietro nel tempo,in modo semplice ed efficace per regalarci un’ora di svago.

Non ha pretese roboanti da grande romanziere epico,è semplicemente qualcuno che con la propria immaginazione crea mondi in cui sostare x un pò..e diciamola tutta chi nn vorrebbe essere un guerriero alieno Immortale stile Highlander????

Ripeto a me piacciono le fiabe e questa è proprio bella,certo se dovessi soffermarmi

su eventuali errori grammaticali,o su sintassi, sinossi o tutte stè cazzate da critico letterario ci sarebbe da bacchettarlo un attimo….ma a me chi fà il critico x mestiere non piace perchè come dico sempre, chi critica nn fà,non crea.

Gianni invece sì e a me piace la sua semplicità complessa,la sua immaginazione fervida e intricata e la scorrevolezza con cui i suoi scritti si lasciano leggere.

Quindi ,concludendo se vi piacciono le battaglie sanguinarie, le spade, le astronavi, i

sacerdoti di Antichi culti allora date un’occhiata a Della carne e delle stelle!!!

“Quando tutto il resto fallisce, lascia perdere e vai in biblioteca.”

S.King

 

 

 

 

 

 

Annunci

21 pensieri su “Sullo Scrivere e sul leggere.(1)

  1. La penso come te ed anch’io l’ho scritto infatti, semplice e ben fatto, senza pretese dimostra che si può fare qualcosa di interessante senza inutili ricercatezze. E poi molti personaggi mi stanno simpatici.
    In realtà ammetto che mi sta simpatico Gianni stesso.

    Liked by 1 persona

  2. Ragazzi, Chez in particolare, sono commosso, fiero, divertito, contento. Chi più ne ha più ne metta. Quello che hai appena scritto mi rende orgoglioso, mi premia per le ore passate col naso sul monitor.
    Grazie ancora, cercherò di non deludervi e se lo farò, sarà solo perché mi fa difetto l’ingegno, non lo stimolo e l’impegno.

    Liked by 1 persona

  3. Conobbi Gregoroni attraverso un suo commento in un post ad un collega blogger e non mi soffermai più di tanto a pensare chi fosse costui, che come avatar gironzolava per WordPress con il loghino di un Codice Generico di Errore e non me ne occupai.

    Poi, il fantomatico Gianni ritornò prepotentemente alla mia attenzione per alcune sue osservazioni particolarmente acute, nascoste dietro un discorso solo apparentemente infantile e giocoso (la goliardia non l’ha mai abbandonata nella prosa dei commenti), con l’umiltà che hanno solo le persone straordinariamente intelligenti e che, in quanto tali, non abbisognano di paludarsi in qualcos’altro: fu allora che m’interessai a lui e cominciai a frequentare il suo blog… che poi non è tale veramente, perché quello spazio virtuale ricorda più una scrivania incasinata di fogli ed appunti, una specie di dashboard in progress continuo, dove, però, senti ribollire la creatività.

    Da allora, Gianni Gregoroni è diventato parte della mia cultura: ho cominciato a leggere i suoi scritti (ho dovuto violentarmi per farlo, sappiate, perché sto vivendo un momento davvero duro per me, dove il tempo libero è prezioso quanto l’interferone e forse di più e dove la mia reading-list e la mia watch-list sono talmente blindate che spesso non riesco nemmeno a seguire nelle breaking-news notizie come il “Canada invade l’Australia” o simili) ed alcuni personaggi da lui creati sono di forza entrati a far parte del mio immaginario.

    Adesso sto frequentando la Strega Emma e continuo a seguire l’Orso Bob, ma ho solo scalfito l’enormità dello spazio dove Gianni si muove e produce…

    Carissima Liza, il modo migliore per omaggiare il tuo post, mi sembrava quello di parlare di Gianni, perché di fatto egli ne era l’getto, per tua scelta e volontà.

    Sei per lui una vera amica e mi sento quindi di rivoltare la definzione che lui a suo tempo diede di te a me… “In Gianni c’è molto di più di ciò egli da a vedere…”.

    Un abbraccio.

    Liked by 1 persona

    1. Oui mon cher Kasa “In Gianni c’è molto di più di ciò egli da a vedere…”.e noi seguiamo le sue mollichine come Hansel e Gretel 🙂
      Questo post uno di molti che seguiranno,è per lui e per la sua anima creativa che ha avuto il coraggio di regalarci rischiando ….
      ma vi farò conoscere anche qualcun’altro 😉

      Liked by 1 persona

      1. Non sei in ritardo perché in fondo non hai mai smesso di leggere e apprezzare quello che scrivo, o di commentare con correttezza. Questo post è un bellissimo di più!
        E poi come sempre dico: io sono abituato alla vecchia maniera, di quando cioè mandavi un’e-mail e l’altro ti rispondeva dopo un po’ e con dei contenuti. Quindi … ok, mi sono dilungato. 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...