25 commenti su “NON E’UNA SCUOLA PER TUTTI.

  1. Hai ragione da vendere … la nostra società continua ad essere classista. E più saliamo nella scala dell’istruzione e peggio sono le cose. Io sono figlio di falegname (ma non mi chiamo gesù), famiglia povera … poi (caso rarissimo ai miei tempi) ho studiato (facendo anche i lavori più disparati, come il manovale) e man mano che andavo avanti negli studi i figli delle classi sociali economicamente più deboli (quelle che un tempo costituivano il cosiddetto proletariato) compagni di studi diminuivano sempre di più. Tanti alle elementari e medie, molto meno alle superiori, pochissimi all’università, quasi nessuno al dottorato di ricerca. Ora tra i miei colleghi universitari (ho la fortuna di fare il professore universitario) di Verona non ho conosciuto ancora nessuno provenire dal proletariato. E le cose non sono poi così diverse rispetto ai miei tempi. Arrivano in altro quasi sempre e solo i figli di chi è già in alto. Una famiglia in cassa integrazione come può permettersi di mantenere un figlio all’università specialmente se fuori sede? Le disuguaglianze sociali non solo esistono, ma stanno di nuovo aumentando. Lavoro precario per tutta la vita, famiglie senza possibilità di guardare al futuro con un minimo di sicurezza (grazia ad esempio alla porcata del job-act di Renzi).


    • https://polldaddy.com/js/rating/rating.jsCredimi se ti dico che ovviamente non e’ certo un volere di tutta un erba un fascio e sono convintissima che di persone come te ce ne siano tante perche’ ne ho conosciute ed e’ quello che diciamo in continuazione ai figli nutrendo la speranza .
      Alla fine sono consapevoli del classismo imperante ma anche delle loro potenzialita’ e questo deve mai mancare. 😊

  2. Che tristezza!!!!!!!!!!!!!!!!lasciatemi con i miei teschi e i miei scheletri stamattina…………perche’ quedto mondo fa schifo ed è inutile dire che non è vero!!!!smettiamola di difendere cose penose solo perché in coscienza ci sentiamo diversi e buoni e corretti…..qui non si parla di personale di parla di una generalità che sta causando gravissime condizioni di vita…..ho il vomito.

  3. Articolo che condivido pienamente.E del resto il colpo di grazia è arrivato con quella riforma sciagurata che ha fatto diventare le scuole autonome e di pari passo stabiliva che non vi fosse più l’obbligo di andare alla scuola più vicina ma vi fosse una sorta di “mercato” dove i migliori andassero nelle scuole migliori. Mettiamoci poi l’emorragia di soldi pubblici dirottati alle scuole private e il risultato è sotto gli occhi di tutto. Inoltre…altra cosa sciagurata è stato il considerare gli istituti tecnici come istituti di serie B e non aventi pari dignità dei classici e scientifici col risultato che in questo paese vi è una arretratezza tecnica spaventosa. Però….se giochi a calcetto, se sai venderti e se sai muoverti, anche con un diploma di Perito Agrario puoi fare il ministro e sparare enormi cazzate oppure essere un emerito analfabeta che sta in parlamento e andare in giro per il mondo a farti selfie coi peggiori criminali…

  4. Cara Liza,
    Ho letto tutto il tuo articolo, e tu ben sai che non sopporto le “sofferenze gratuite”. In questo caso le sofferenze sono gratuite, ma, tirare in ballo la Costituzione o le leggi è peggio di un “optional” se compri un’auto.
    Se cambieranno i Governanti si potrà sperare in qualcosa di meglio. Bisognerà sperare però che, se cambieranno, lavorino per il bene del popolo e, loro stessi rispettino le leggi.
    Buon pomeriggio.
    Quarc

  5. Mi correggo ho fatto un casino con la tastiera.
    Volevo dire come titolo di studio poi solo la scuola è fallita in questo paese?
    Qui stanno bene solo chi amministra i preti, equitalia e i ladri ormai questo è un paese morto, fankulo!

  6. Nel liceo scientifico,che frequentava mia figlia,i figli delle famiglie di avvocati e dottori,non venivano mai interrogati prendendo sempre voti altissimi.
    Uno schifo da paura.

  7. Figlio di operai, studio al Tecnico e mi faccio il mazzo all’estero, mi sono detto che mio figlio dovrà fare quello che si sente ma guardando al futuro dovrà percorrere la strada più lunga. Ha seguito il consiglio, si laurea dopo cinque anni, il babbo continua a farsi il mazzo e la pensione…si allontana. Va bene così.
    Nota: al figlio consigliai lo Scientifico dicendo…non ti faranno sconti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...